QUANDO FARE IL TRATTAMENTO IN UN IMPIANTO DI RISCALDAMENTO

Un trattamento dell’impianto di riscaldamento è consigliato soprattutto nei mesi di riposo dell’impianto perché tutte le particelle in sospensione nell’acqua dell’impianto si depositano e danno inizio alla solidificazione delle stesse in poche settimane. Per togliere queste incrostazioni di fanghiglia e magnetite il periodo migliore è quando l’impianto è fermo perché si riesce a dedicare il tempo necessario per fare una pulizia accurata e,  successivamente la passivazione/protezione dell’impianto con un inibitore come previsto dalla UNI8065 e dal D.P.R. 59/09.

Inolte dagli studi di varie università e laboratori risulta che uno strato di fanghiglia e incrostazioni spesso solamente 0,5 mm  riduce lo scambio termico del 10% ca. Questa riduzione comporta un aumento dei combustibili del 7-8% per ottenere lo stesso calore da un calorifero. Su impianti radianti (riscaldamento a pavimento oppure pannelli radianti) l’aumento del combustibile è leggermente superiore.

Pertanto un impianto sporco e non trattato risulta quindi essere molto più costoso.

Informative